Rilievo di Sant'Antonio in legno - naturale Visualizza ingrandito

Rilievo di Sant'Antonio in legno - naturale

Nuovo prodotto

35,90 €

Articoli simili o correlati / varianti






Dettagli

Rilievo a placca di Sant'Antonio da parete o da tavolo - Dolfi statuette di santi; Fernando de Bouillon nacque a Lisbona (Portogallo) nel 1195 dal padre Alfonso Martin, cavaliere e madre Maria, la famiglia era nobile discendente di Goffredo di Buglione.
Esiste un'analogia tra Antonio e Francesco iniziata per entrambi giovani armi di carriera e tentati dalla vita facile e dal peccato, ma che li porterà entrambi a scegliere la via della testimonianza di fede per seguire Gesù Cristo.
A 15 anni entrò tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino che tenevano per volontà il re Alfonso I del Portogallo e la regina Mafalda di Savoia, il S. Vincenzo vicino a Lisbona. Fernando è applicato nello studio con ottimi insegnanti di scienze e teologia e si prepara per essere ordinato.
Nel 1219, all'età di 24 anni, Fernando divenne prete. Aspirato a una vita religiosa più dura, Fernando può essere trasferito in un'altra comunità di Sant'Agostino, Santa Croce di Coimbra.
Nel 1220 arrivano a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco perché predicavano il Vangelo. Quando sono arrivati ??i monaci del Monte Olivares, giunti a raccogliere i cadaveri, Ferdinando attende da loro la sua ispirazione per vivere il Vangelo. Ottenuto il permesso dal Provinciale Francescano di Spagna e dall'Agostiniano Prima di entrare nell'Eremo Giovanile Ferdinando è ora la Professione Religiosa e cambia il suo nome in Antonio.
Antonio sul modello dei cinque fratelli uccisi in Marocco, vuole portare la parola di Dio agli infedeli anche se significa martirio, e riceve le chiamate di frate John Parenti, allora provinciale di Spagna, il permesso di andare. Ha navigato con un fratello, fratello filippino di Castiglia, in Marocco.
La febbre malarica lo costrinse a leggere durante il viaggio in Africa iniziato nel 1220. La malattia continua ei suoi compagni riescono a convincere Antonio a tornare a casa per le cure. Durante il viaggio di ritorno, una tempesta ha spinto la nave al largo delle coste della Sicilia orientale. Mantenuto dai francescani della città in due mesi guarisce. Dai fratelli Antonio apprende che Francesco aveva convocato i frati di Assisi Porziuncola per il Capitolo generale di Pentecoste del 1221, durante il quale era stato presentato il testo della Regola. Antonio è stato invitato al Capitolo Generale di Assisi. Viene con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove Francesco ascolta, senza conoscerlo personalmente.
Il ministro provinciale dell'Ordine del Nord Italia propone di trasferirsi a Montepaolo vicino a Forlì per celebrare la messa in un piccolo eremo. Per più di un anno Antonio si è dedicato alla contemplazione e alla penitenza affrontando i compiti più umili e aiutando i fratelli, poi un giorno si è recato con i fratelli nella chiesa di S. Mercuriale per assistere all'ordinazione dei nuovi sacerdoti, dove ha pregato la presenza di un folto pubblico composto anche da notabili. L'impressione causata dalla sua stessa eloquenza fu tale che fu nominato predicatore insegnato anche a Francesco che gli consigliò di non perdere lo spirito di preghiera e devozione. La sua predicazione iniziata in Romagna nel nord Italia continua a combattere l'eresia catara albigese in Italia e in Francia, dove arriverà nel 1225.
Antonio era fermamente convinto che per combattere gli eretici che avesse abili predicatori fosse necessaria una formazione teologica per i Frati Minori e dopo molte insistenze Francesco gli permise di fondare nel 1223 la prima scuola francescana di teologia a Bologna, presso il convento di Santa Maria di Pugliola.
La fama dell'eloquenza di Antonio e dei miracoli che accompagnarono la predicazione persuase onorio a inviare Antonio in Francia per combattere gli eretici catari, e Antonio rimase in quella terra per oltre due anni tra il 1225 e il 1227 predicando in Provenza e Linguadoca Biscaglia. Il padre provinciale della Provenza lo nominò primo guardiano del convento di Le Puy e superiore dei conventi del Limosino.
La notizia della scomparsa di Francesco e del Capitolo Generale tenuto da Frate Elia, Antonio costretto a rientrare in Italia, giunse a destinazione alla fine di maggio del 1227. Il nuovo Maestro Generale di Giovanni Antonio Parenti nominato Ministro provinciale del Nord Italia. Nel periodo successivo Antonio apre nuove case e visita i monasteri per conoscere i monaci e il controllo e le Clarisse del Terzo Ordine. Firenze prende residenza a Padova, scrivendo nella predica domenicale e due mesi dopo le prediche per le feste dei santi, privilegiando i temi della fede, della morale e della virtù. L'amore e la compassione di Dio verso i poveri. Preghiera, umiltà e mortificazione, argomentando contro l'orgoglio, l'avidità, la lussuria e l'usura. Tenere 1228 su richiesta di Papa Gregorio IX. Le prediche della settimana di digiuno sono chiamate "Arca del Testamento". In questa occasione si dice che la folla lo ascolti predicare la lingua cosmopolita d'origine di ciascuno di loro. Dal 1228 al 1231 in movimento nonostante le cattive condizioni di salute. Campo Sampiero si ritira a riposare nei pressi di Padova, in una piccola stanza che i fratelli Hermitage donarono al conte Tiso.
Anthony è dedito alla predicazione e alla confessione. Il conte Tiso va spesso nella stanza di Anthony per valutare la sua salute. Una sera, durante una di queste visite, partecipa alla visita del Santo Bambino che Gesù sta compiendo. Le condizioni di salute peggiorano e Antonio, che affondò le forze armate il 13 giugno 1231, chiese di essere rimpatriato a Padova. Durante il viaggio fu ricoverato al Convento dell'Arcella, dove morì nel tardo pomeriggio.
Il Convento dell'Arcella e Santa Maria Mater Domini iniziano una discussione per decidere quale dei due luoghi avrebbe messo al sicuro la salma, poiché Antonio voleva morire in Santa Croce. La decisione spetta al padre provinciale, il quale determina che la salma sia ospitata nel monastero di Santa Maria Mater Domini.
La tomba di marmo in cui si trovava divenne subito meta di pellegrinaggi mai arrestati prima e che videro molti miracoli. Antonio era il giorno di Pentecoste del 1232 alla presenza di Papa Gregorio IX. Canonizzato nel Duomo di Spoleto.
S. Bonaventura durante la resa della salma avvenuta 32 anni dopo la morte di Antonio, la lingua del santo è incontaminata. La reliquia è ora nella cappella della Basilica del Ministero delle Finanze a Padova. Anthony è il patrono. Pio XII. Nel 1946 proclamò Sant'Antonio Dottore della Chiesa e gli conferì il titolo di Doctor Evangelicus per la sua ferma e costante osservanza del Vangelo. Sant'Antonio è onorato dalla Chiesa cattolica il 13 giugno.