Santa Crescenza con colomba e croce in legno - colorato a olio Visualizza ingrandito

Santa Crescenza con colomba e croce in legno - colorato a olio

Nuovo prodotto

101,90 €

Articoli simili o correlati / varianti






Dettagli

Santa Crescenza raffigurata con colomba e croce - Dolfi fabbrica statue sacre; La vita di Santa Crescenza
Il 20 ottobre 1682 Anna nacque come sesto di otto figli da Lucia e Mathias Höß nella casa Neue Gasse 15. Cinque di loro sono morti nell'infanzia.
Insieme a sua sorella Maria, Anna ricevette la cresima nel 1685. Dimostra di essere una bambina amichevole, diligente e di talento a casa e a scuola.
Nel giugno 1703 Anna entra nel convento francescano di Kaufbeuren e riceve il nome religioso di Maria Crescenza. Il superiore considera la figlia del tessitore una scroccona, in quanto non porta in dote. La Crescenza è fortemente mobbedita. In nessun momento, però, si può dimostrare che abbia fatto qualcosa di sbagliato, e il convento decide di ricoverarla.
Il 18 giugno 1704, Crescenzia pronuncia i voti monastici di obbedienza, povertà e celibato a vita. Lavora in cucina e al telaio.
Una nuova superiora finalmente apprezza la giovane suora in modo appropriato e la chiama ripetutamente come consigliera.
Nel 1710 Crescenzia assume la funzione al cancello del convento e con le consorelle malate. A causa delle sue visioni e delle sue intuizioni, è temporaneamente sospettata di essere una strega e deve sopportare prove discriminatorie di obbedienza. Anche qui mostra una grande forza interiore.
Crescenzia diventa amante dei novizi nel 1717. Per le numerose persone bisognose fuori dai cancelli del monastero, tuttavia, continua ad essere una persona di contatto materna.
Il principe abate di Kempten, Rupert II von Bodmann, consulta suor Crescentia nel 1722 come consigliere in una profonda disputa della sua abbazia.
Il pittore Ruffini di Monaco di Baviera dipinge una visione dello Spirito Santo in forma umana nel 1728 secondo le indicazioni di Crescenzia.
L'eletta Amalia di Monaco di Baviera e poi l'elettore Clemens August di Colonia visitano Crescenzia nel 1731 e trovano in lei un pastore comprensivo ma anche stimolante. Attraverso le visite e la posta, i collegamenti con lei sono mantenuti.
Nel giugno 1741, Crescenzia è stata eletta dalle suore all'unanimità superiora. Con un caldo affetto per la comunità, come amante della musica e delle belle arti, e come guida saggia, in soli tre anni ha plasmato con decisione il suo convento.
Il 5 aprile 1744, una domenica di Pasqua, Crescenzia morì dopo una lunga e dolorosa malattia e per la stanchezza nel suo servizio al popolo. Da quell'anno ad oggi, il flusso di pellegrini verso la sua tomba non cessa mai.
Il processo di beatificazione viene aperto nel 1775, ma viene sempre rimandato a causa della secolarizzazione e dei vari disordini bellici.
Papa Leone XIII ha dichiarato benedetta suor Maria Crescentia il 7 ottobre 1900.