Sant' Anna ritratta con bambino in legno - brunito 3 col. Visualizza ingrandito

Sant' Anna ritratta con bambino in legno - brunito 3 col.

Nuovo prodotto

101,90 €

Articoli simili o correlati / varianti






Dettagli

Santa Anna ritratta con bambino e libro - Dolfi arte sacra. Anna (ebraico, Hannah, grazia; scritto anche Ann, Anne, Anna) è il nome tradizionale della madre della Beata Vergine Maria.

Tutte le nostre informazioni riguardanti i nomi e le vite dei santi Gioacchino e Anna, i genitori di Maria, derivano dalla letteratura apocrifa, dal Vangelo della Natività di Maria, dal Vangelo dello Pseudo-Matteo e dal Proto evangelismo di Giacomo. Anche se la forma più antica di quest'ultimo, su cui direttamente o indirettamente sembrano basarsi gli altri due, risale al 150 d.C. circa, difficilmente possiamo accettare come fuori dubbio le sue varie affermazioni sulla sua unica autorità. In Oriente il Proto evangelismo aveva grande autorità e porzioni di esso venivano lette nelle feste di Maria dai Greci, dai Siriani, dai Copti e dagli Arabi. In Occidente, tuttavia, fu respinto dai Padri della Chiesa fino a quando il suo contenuto fu incorporato da Jacobus de Voragine nella sua "Leggenda Aurea" nel XIII secolo. Da quel momento in poi la storia di Sant'Anna si diffuse in Occidente e fu ampiamente sviluppata, finché Sant'Anna divenne uno dei santi più popolari anche della Chiesa latina.

Il Proto evangelismo dà il seguente resoconto: A Nazareth viveva una coppia ricca e pia, Gioacchino e Anna. Erano senza figli. Quando in un giorno di festa Gioacchino si presentò per offrire un sacrificio nel tempio, fu respinto da un certo Ruben, con il pretesto che gli uomini senza figli non erano degni di essere ammessi. Al che Gioacchino, prostrato dal dolore, non tornò a casa, ma andò in montagna a fare la sua supplica a Dio in solitudine. Anche Anna, avendo appreso il motivo della prolungata assenza del marito, gridò al Signore di toglierle la maledizione della sterilità, promettendo di dedicare il suo bambino al servizio di Dio. Le loro preghiere furono ascoltate; un angelo venne da Hannah e disse: "Anna, il Signore ha guardato le tue lacrime; concepirai e partorirai e il frutto del tuo seno sarà benedetto da tutto il mondo". L'angelo fece la stessa promessa a Gioacchino, che tornò da sua moglie. Hannah diede alla luce una figlia che chiamò Miriam (Maria). Poiché questa storia è apparentemente una riproduzione del racconto biblico del concepimento di Samuele, la cui madre si chiamava anch'essa Hannah, anche il nome della madre di Maria sembra essere dubbio.

Il famoso padre Giovanni di Eck di Ingolstadt, in un sermone su Sant'Anna (pubblicato a Parigi nel 1579), pretende di conoscere anche i nomi dei genitori Sant'Anna. Li chiama Stollanus e Emerentia. Dice che Sant'Anna nacque dopo che Stollanus ed Emerentia erano stati senza figli per vent'anni; che San Gioacchino morì poco dopo la presentazione di Maria al tempio; che Sant'Anna sposò poi Cleofa, di cui era il padre. Anna sposò poi Cleofa, da cui divenne madre di Maria Cleofa (moglie di Alfeo e madre degli apostoli Giacomo il Minore, Simone e Giuda, e di Giuseppe il Giusto); dopo la morte di Cleofa si dice che abbia sposato Salomè, da cui partorì Maria Salomae (moglie di Zebedaeus e madre degli apostoli Giovanni e Giacomo il Maggiore). La stessa leggenda spuria si trova negli scritti di Gerson (Opp. III, 59) e di molti altri. Sorse nel XVI secolo un'animata controversia sui matrimoni di Sant'Anna, in cui Baronio e Bellarmino difesero la sua monogamia. I Menaea greci (25 luglio) chiamano i genitori di Sant'Anna Mathan e Maria, e riferiscono che Salomè ed Elisabetta, la madre di San Giovanni Battista, erano figlie di due sorelle di Sant'Anna. Secondo Ephiphanius era sostenuto anche nel quarto secolo da alcuni entusiasti che Sant'Anna concepisse senza l'azione dell'uomo. Questo errore fu ripreso in Occidente nel XV secolo. (Anna concept per osculum Joachim.) Nel 1677 la Santa Sede condannò l'errore degli Imperiali che insegnavano che Sant'Anna nel concepimento e nella nascita di Maria era rimasta vergine (Benedetto XIV, De Festis, II, 9). In Oriente il culto di Sant'Anna può essere fatto risalire al IV secolo. Giustiniano I (morto nel 565) le fece dedicare una chiesa. Il canone dell'Ufficio greco di Sant'Anna fu composto da San Teofane (m. 817), ma parti più antiche dell'Ufficio sono attribuite ad Anatolio di Bisanzio (m. 458). La sua festa è celebrata in Oriente il 25 luglio, che può essere il giorno della dedicazione della sua prima chiesa a Costantinopoli o l'anniversario dell'arrivo delle sue presunte reliquie a Costantinopoli (710). Si trova nel più antico documento liturgico della Chiesa greca, il Calendario di Costantinopoli (prima metà dell'VIII secolo). I greci tengono una festa collettiva di San Gioacchino e Sant'Anna il 9 settembre. Nella Chiesa latina Sant'Anna non era venerata, tranne forse nel sud della Francia, prima del XIII secolo. Il suo quadro, dipinto nell'ottavo secolo, che è stato trovato recentemente nella chiesa di Santa Maria Antiqua a Roma, deve la sua origine all'influenza bizantina.

Sant'Anna è patrona delle donne in travaglio; è rappresentata mentre tiene in grembo la Beata Vergine Maria, che di nuovo porta in braccio il bambino Gesù. È anche patrona dei minatori: Cristo è paragonato all'oro, Maria all'argento.