Sant'Antonio in stile moderno scolpito in legno acero dagli scultori Dolfi della Val Gardena - dipinta con colori ad olio

Nuovo prodotto

Sant'Antonio è nato Fernando Martins a Lisbona, in Portogallo. Era nato in una famiglia ...

Maggiori dettagli

44,90 €

Dettagli

Sant'Antonio è nato Fernando Martins a Lisbona, in Portogallo. Era nato in una famiglia benestante e all'età di quindici anni chiese di essere inviato all'Abbazia di Santa Cruz a Coimbra, l'allora capitale del Portogallo. Durante la sua permanenza nell'Abbazia, ha imparato la teologia e il latino.
Dopo la sua ordinazione sacerdotale, fu nominato direttore ospite ed era responsabile dell'ospitalità dell'abbazia. Quando i frati francescani stabilirono un piccolo eremo fuori Coimbra dedicato a Sant'Antonio d'Egitto, Fernando sentì il desiderio di unirsi a loro.
Fernando alla fine ha ricevuto il permesso di lasciare l'Abbazia in modo da poter entrare a far parte del nuovo ordine francescano. Quando è stato ammesso, ha cambiato il suo nome in Anthony.
Anthony si è poi recato in Marocco per diffondere la verità di Dio, ma si è ammalato gravemente ed è stato riportato in Portogallo per guarire. Il viaggio di ritorno fu interrotto e il gruppo arrivò in Sicilia, da cui partì per la Toscana. Atonia fu assegnata all'eremo di San Paolo dopo che i frati locali considerarono la sua salute.
Quando si riprese, Anthony trascorse il suo tempo pregando e studiando.
Un tempo indeterminato dopo, i frati domenicani vennero a visitare i francescani e c'era confusione su chi avrebbe tenuto l'omelia. I domenicani erano noti per la loro predicazione, quindi i francescani presumevano che fossero loro a fornire un omilista, ma i domenicani presumevano che i francescani ne avrebbero fornito uno. Fu allora il capo dell'eremo francescano a chiedere ad Antonio di parlare di qualunque cosa lo Spirito Santo gli avesse detto di parlare.
Sebbene abbia cercato di opporsi, Anthony ha pronunciato un'omelia eloquente e commovente che ha colpito entrambi i gruppi. Ben presto, la notizia della sua eloquenza giunse a Francesco d'Assisi, che nutriva una forte diffidenza per l'impegno della confraternita per una vita di povertà. Tuttavia, in Anthony, ha trovato un amico.
Nel 1224, Francesco affidò ad Antonio gli studi dei suoi frati. Anthony aveva un libro di salmi che conteneva note e commenti per aiutare quando insegnava agli studenti e, in un'epoca in cui una macchina da stampa non era ancora stata inventata, la apprezzava molto.
Quando un novizio decise di lasciare l'eremo, rubò il prezioso libro di Anthony. Quando Anthony scoprì che mancava, pregò che gli fosse ritrovato o che gli fosse restituito. Il ladro ha restituito il libro e in un ulteriore passaggio è tornato anche all'Ordine.
Il libro sarebbe oggi conservato nel convento francescano di Bologna.
Di tanto in tanto Anthony insegnava nelle università di Montpellier e Tolosa nel sud della Francia, ma si esibiva meglio nel ruolo di predicatore.
Così semplice e clamoroso era il suo insegnamento della fede cattolica, i più illetterati e gli innocenti potevano capire i suoi messaggi. Per questo motivo fu dichiarato Dottore della Chiesa da Papa Pio XII nel 1946.
Una volta, quando Sant'Antonio da Padova tentò di predicare il vero Vangelo della Chiesa cattolica agli eretici che non volevano ascoltarlo, uscì e predicò il suo messaggio ai pesci. Questo non era, come hanno cercato di dire liberali e naturalisti, per l'istruzione del pesce, ma piuttosto per la gloria di Dio, la gioia degli angeli e il sollievo del suo cuore. Quando i critici hanno visto il pesce iniziare a raccogliere, si sono resi conto che avrebbero dovuto anche ascoltare ciò che Anthony aveva da dire.
Aveva solo 35 anni quando morì e fu canonizzato meno di un anno dopo da Papa Gregorio IX. Dopo la riesumazione, circa 336 anni dopo la sua morte, il suo corpo fu trovato corrotto, ma la sua lingua era totalmente incorrotta, tanto perfetti erano gli insegnamenti che si erano formati su di esso.
È tipicamente raffigurato con un libro e il Bambino Gesù ed è comunemente indicato oggi come il "cercatore di articoli smarriti".
Sant'Antonio è venerato in tutto il mondo come il santo patrono degli oggetti smarriti, ed è accreditato di molti miracoli che coinvolgono persone smarrite, cose smarrite e persino beni spirituali perduti.

Articoli simili o correlati / varianti